Coerenza e vivisezione.

23 Apr
ImmagineNon bastava la settimana politica appena trascorsa sulla quale stendiamo un velo pietoso. Non bastava svegliarsi e scoprire che non c’era più caffè. No, evidentemente non era abbastanza. Ci si sono messi pure gli animalisti a farmi girare le balle.
Ah.. gli animalisti, gente di una coerenza più unica che rara.
Lo so, non si deve generalizzare. Infatti non lo faccio. Alla soglia (anche qualcosa in più) dei 30 anni, alcune convivenze universitarie alle spalle e numerosi amici vegetariani (o presunti tali) non generalizzo. Questa è statistica.
Coerenza zero. Mai che abbia trovato qualcuno che praticasse quello che predicava. Mai una volta che la coerenza in queste persone (vegetariani-vegani) la faccia da padrone.
C’è il vegetariano alla moda, quello che ha visto un filmato su un macello di bovini, e ora non mangia più carne. Il pesce sì invece perché “è buono” o “perché i pesci non hanno un cervello”. Lo stesso vegetariano alla moda è quello (di solito di sesso femminile) che ha un chilo di fondotinta, le unghie sempre smaltate e la tinta ai capelli che viene rinnovata ogni due settimane. Cosa sono gli animali morti se in cambio ti danno la tinta per i capelli? (semicit.)
C’è il vegetariano animalista, quello contro la sperimentazione animale dei farmaci. Lo stesso che però al minimo mal di testa fa indigestione di Oki, Aspirina e quando serve anche un Tachidol per andare sul sicuro. Quello che non veste nemmeno di lana (come se tosare una pecora sia lesivo nei suoi confronti) ma dorme beato sotto il piumino d’oca.
C’è addirittura chi ha il coraggio di essere vegetariano ed iscriversi a facoltà come biologia e farmacia e poi rifiutarsi con autocertificazione di utilizzare animali in laboratorio. Ma fare scienze della formazione no? Se ti sta sul culo la chiesa mica vai in seminario. Non ci vuole una mente superiore per capirlo vero?
Niente. Parole al vento. Nessuno (forse uno dai) di quelli che ho conosciuto, nonostante si proclamino professoroni in difesa di tutte le specie animali, si è mai preso la briga di leggersi un libro su com’è regolamentata la sperimentazione animale in Italia, come funziona e a cosa serve. Restano con le loro ottuse idee e la loro verità. Verità che sono pronti a spiattellarti in faccia alla prima discussione, scusate, al primo monologo, già che il concetto di dialogo e confronto di idee non gli appartiene.
Il colpo di genio l’hanno avuto a Milano qualche giorno fa. Un gruppo di antivivisezionisti è entrato nel dipartimento di farmacologia dell’università per liberare topi e un coniglio. Questi mentecatti non hanno minimamente idea di cosa hanno fatto. Hanno rovinato il lavoro di anni di ricerche su malattie rare, malattie per le quali ancora non c’è una cura come l’autismo. Liberando gli animali costringeranno l’università a iniziare da zero o quasi la ricerca con altri animali, animali che hanno un costo. Ma tanto l’Italia investe ferocemente sulla ricerca vero? I soldi si trovano vero?
Forse esagero e forse sono preso dallo “stream of consciousness” ma non capisco proprio perché questa gente debba avere il diritto di utilizzare farmaci testati sugli animali (tutti quindi) in caso di necessità. Non vuoi la sperimentazione animale? Non ti curi.
It’s Darwin babe..
Z.
Annunci

3 Risposte to “Coerenza e vivisezione.”

  1. La Disfunzionale maggio 11, 2013 a 2:21 pm #

    Ti dirò, io purtroppo conosco più di una persona vegetariana/vegana che riesce ad essere schifosamente coerente con tutto il loro incasinatissimo modus operandi. Un pò li stimo, per le privazioni che si impongono…ma fondamentalmente mi spaventano, perchè finiscono per farti tutti gli stessi discorsi, con le stesse parole. Alla fine non hanno più un cervello, pare di parlare con un adepto della setta di Scientology!

    Ovviamente siamo in tempo di crisi ed è esattamente quewsto il periodo storco giusto per mettersi a fare gli schizzinosi su cibo, farmaci e bla bla bla…

    • farefintadifarefinta maggio 11, 2013 a 2:26 pm #

      Pure io conosco un paio di persone che sono coerenti. Si contano sulle dita di una mano ed avanza anche qualche dito però. Gli altri sono terribilmente incoerenti e, parere mio, lo fanno perché possono permetterselo..
      Prima di arrivare alla fame vera c’è ne vuole. Ci sono più iphone in comode 30 rate che stipendi in Italia..
      Il Medioevo ci aspetta e per ora non vedo alcun rinascimento all’orizzonte.

      Z.

      • La Disfunzionale maggio 11, 2013 a 2:34 pm #

        tra parentesi….io ancora le devo finire di pagare le rate dell’iphone…ma a fine mese mi licenziano. Ad averlo saputo avrei evitato :/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: