Archivio | furbizia RSS feed for this section

Vorrei farcela, ma non lo so.

7 Ago

Partendo dal presupposto che io in questo momento dovrei lavorare perchè la nuova project manager – che è qui da 5 mesi ormai ma per me resterà sempre nuova perchè, se dopo 5 mesi non hai imparato a fare il lavoro che millanti di saper fare, o sei ritardata o sei “nuova” – ,come suo solito, ha lavorato ad canis cazzum su un progetto che già mi aveva provocato sufficienti cali di fiducia nel senso della vita, innumerevoli “ma chi me lo fa fare?” e svariati “tua madre brutta e anche stronza” e che, quindi, non aveva bisogno di essere peggiorato/prolungato. Invece no. L’incubo continua e nemmeno per colpa mia.

Da qui potete capire che di lavorare al momento non ho proprio voglia e che quindi ho bisogno di sfogare/raccontare un po’ di cazzi miei perchè, veramente, non si può.

Come sapete sono in Danimarca, il sole splende, “la situa” è sufficientemente ventilata e il Tamigi scorre, inesorabile, fottendosene di tutto e tutti.

Prima riflessione:

– Come cazzo è possibile che qui, paese principalmente conosciuto – specialmente da noi Italici – come inno allo schifo e alla scarsa pulizia, per quante volte sia stato nei pressi del Tamigi, non abbia mai visto un ratto e a Venezia ci sono degli incroci tra pantegane e mastini napoletani? Cosacazzo, eh?! E dire che il Tamigi, fatta eccezione per la parte tra Westminster e London Bridge, aggiungendoci anche i canali, fa schifo al cazzo eh.

Seconda riflessione:

– Che figata sarebbe essere un fiume? Scorrere imperterrito, calmo e potente allo stesso tempo, “fottencazzo” state of mind, poter uccidere project managers in barca senza rischiare di finire al gabbio?

“Mamma, da grande voglio fare il fiume!” .cit nessuno, ma se conoscete qualcuno che lo ha detto davvero, VI PREGO, segnalatemelo! Ho bisogno di dirgli che è un genio.

 

In ogni caso non è che ce l’ho con lei, alla fine cerca solo di fare il suo lavoro, poveretta. Ce l’ho con i suoi che non ci hanno messo nemmeno mezzo briciolo di impegno, ma manco per sbaglio, cazzo. Che stronzo devi essere? Boh! Che poi passati i primi 18 anni, arriverà il momento in cui la pargola tarda lascerà il nido e andrà a cagare il cazzo in giro, e ovviamente chi trova in giro? Il sottoscritto, per l’appunto, che già non ha pazienza di suo – della serie “I can’t deal with life. I just fucking can’t” – quindi figurati quanta pazienza può avere con quel ramo del genere umano che ce l’ha fatta solo perchè l’omicidio è reato penale.

Questa è la grossa rottura di coglioni di oggi che, ovviamente, ho intenzione di chiudere qua onde evitare i messaggi di Z. tipo “Patatina! Mestruo niente oggi?” e, sia chiaro, io patatina non lo sono. Al massimo carina, esagerando proprio.

Passiamo a qualcosa di serio, per una volta?

No dai che palle no dai oh ti prego dai, oh.

Invece sì.

 

 

 

Col cazzo, non mi avrete mai.

[Lo so, anche questo post non vuol dire niente, ma vi giuro che un giorno scriverò cose con un inizio. Poi la fine, ma poi, non troppe cose assieme.]

Immagine

Nell’attesa della sua venuta.

18 Gen

20140118-165130.jpg

Questa storia della suora mi turba.
In soli 2014 anni siamo passati da “È nato il messia” a “Non ha saputo resistere alle tentazioni. Non ha fatto del male a nessuno, e proprio non riesco a capire perché ci sia così tanta attenzione attorno a questa storia”.
Vorrei rispondere a suor Erminia. Cara sorella (…) perché fai domande stupide? Cosa suscita tanta attenzione? Non so, veda lei.. Forse il fatto che come fa da millenni nella chiesa predicate bene e razzolate male solo che questa volta non potete dire “è figlio dello spirito santo”. Sa, sorella, piuttosto credo ai Power Rangers se non l’aveva ancora intuito.
In più sguazzate nell’omofobia appena qualcuno parla di omosessualità. Quindi vede che qualcosa di strano lo si trova.
Comunque.. metta il caso che vi sbagliate? Eh? Che figura di merda ci fate? E se fosse veramente il messia? Sai che risate (le mie almeno).
Sorella, mentire è estremamente faticoso. Glielo dice un professionista. Lasciate perdere le giustificazioni. O al massimo datene una veritiera: “anche a noi suore ci piace il cazzo”. Molto più onesta, sia con noi, soprattutto chi crede nello zombie ebreo cosmico figlio di se stesso, sia con voi.

Cordialmente,
Z.

V per Vodka Tonic

23 Giu

Qualcuno sa dirmi se S è ancora vivo? L’ho sentito l’ultima volta stamattina alle 11. Diceva cose tipo “ti voglio bene”, “ti amo”, “sto bevendo vodka tonic e qualche bicchiere di vino da ieri sera..”. Se avete notizie contattatemi. Sono preoccupato.. Gli ho proposto di bere delle birre ma non mi risponde..

Z.

Per quanto io mi sforzi

1 Mag

Non sono proprio in grado di parlare di ció che di importante succede nel mondo o direttamente in “casa nostra” e non perchè io non me ne interessi, perchè la curiosità di base c’è e mi spinge ad informarmi e a farmi comunque un opinione su quello che succede (che poi ogni opinione sia seguita da un gran bel ‘sticazzi‘ è un’altra storia della quale parleremo nella prossima puntata), ma bensí perchè lo trovo, impopolarmente forse, controproducente. Prima di tutto per me stesso e per la mia ulcera in fase di sviluppo, poi perchè in realtà a nessuno interessa veramente quello che pensi o quello che vuoi dire. O no? Non dico che sia universalmente in ogni caso cosí, altrimenti sarei stato un ipocrita ad aprire un blog e sarei ancora piú ipocrita a scrivere questo post, in questo momento. Dico solo che le persone sono piú interessate, secondo me, a ció che il prossimo ha da dire in merito a se stesso di piú o meno intimo. O NO?!
Con questo, come al solito, non voglio arrivare da nessuna parte. Ma resta comunque il fatto che mi ci gioco la vita (non di Andreotti, ormai non è piú una sicurezza) che in realtà alla gente interessano di piú i cazzi del prossimo diretto rispetto al destino dell’umità (vedi “Italiano medio”).

P.S. Mi piace essere inconcludente.
S.

Se, se e se.

15 Apr

È lunedì e sono le “troppo presto”. Un’ora meravigliosa per girarsi dall’altro lato se:
– se solo non mi fosse venuto in mente quel bollettino postale importantissimo che scade oggi che avevo completamente rimosso;
-se non dovessi prima passare in banca;
-se la mia banca, questo per un concetto di praticità tutto mio, non fosse a 100km dalla mia attuale residenza.
Schiaffo morale. Anche fisico, me lo merito.
Non mi resta che dormire altre 2 ore scarse per poi mettermi in auto.
Vi Mi prometto che un giorno avrò una vita più organizzata. Magari da morto.

Z.