Archivio | odio RSS feed for this section

Vorrei farcela, ma non lo so.

7 Ago

Partendo dal presupposto che io in questo momento dovrei lavorare perchè la nuova project manager – che è qui da 5 mesi ormai ma per me resterà sempre nuova perchè, se dopo 5 mesi non hai imparato a fare il lavoro che millanti di saper fare, o sei ritardata o sei “nuova” – ,come suo solito, ha lavorato ad canis cazzum su un progetto che già mi aveva provocato sufficienti cali di fiducia nel senso della vita, innumerevoli “ma chi me lo fa fare?” e svariati “tua madre brutta e anche stronza” e che, quindi, non aveva bisogno di essere peggiorato/prolungato. Invece no. L’incubo continua e nemmeno per colpa mia.

Da qui potete capire che di lavorare al momento non ho proprio voglia e che quindi ho bisogno di sfogare/raccontare un po’ di cazzi miei perchè, veramente, non si può.

Come sapete sono in Danimarca, il sole splende, “la situa” è sufficientemente ventilata e il Tamigi scorre, inesorabile, fottendosene di tutto e tutti.

Prima riflessione:

– Come cazzo è possibile che qui, paese principalmente conosciuto – specialmente da noi Italici – come inno allo schifo e alla scarsa pulizia, per quante volte sia stato nei pressi del Tamigi, non abbia mai visto un ratto e a Venezia ci sono degli incroci tra pantegane e mastini napoletani? Cosacazzo, eh?! E dire che il Tamigi, fatta eccezione per la parte tra Westminster e London Bridge, aggiungendoci anche i canali, fa schifo al cazzo eh.

Seconda riflessione:

– Che figata sarebbe essere un fiume? Scorrere imperterrito, calmo e potente allo stesso tempo, “fottencazzo” state of mind, poter uccidere project managers in barca senza rischiare di finire al gabbio?

“Mamma, da grande voglio fare il fiume!” .cit nessuno, ma se conoscete qualcuno che lo ha detto davvero, VI PREGO, segnalatemelo! Ho bisogno di dirgli che è un genio.

 

In ogni caso non è che ce l’ho con lei, alla fine cerca solo di fare il suo lavoro, poveretta. Ce l’ho con i suoi che non ci hanno messo nemmeno mezzo briciolo di impegno, ma manco per sbaglio, cazzo. Che stronzo devi essere? Boh! Che poi passati i primi 18 anni, arriverà il momento in cui la pargola tarda lascerà il nido e andrà a cagare il cazzo in giro, e ovviamente chi trova in giro? Il sottoscritto, per l’appunto, che già non ha pazienza di suo – della serie “I can’t deal with life. I just fucking can’t” – quindi figurati quanta pazienza può avere con quel ramo del genere umano che ce l’ha fatta solo perchè l’omicidio è reato penale.

Questa è la grossa rottura di coglioni di oggi che, ovviamente, ho intenzione di chiudere qua onde evitare i messaggi di Z. tipo “Patatina! Mestruo niente oggi?” e, sia chiaro, io patatina non lo sono. Al massimo carina, esagerando proprio.

Passiamo a qualcosa di serio, per una volta?

No dai che palle no dai oh ti prego dai, oh.

Invece sì.

 

 

 

Col cazzo, non mi avrete mai.

[Lo so, anche questo post non vuol dire niente, ma vi giuro che un giorno scriverò cose con un inizio. Poi la fine, ma poi, non troppe cose assieme.]

Immagine

Nell’attesa della sua venuta.

18 Gen

20140118-165130.jpg

Questa storia della suora mi turba.
In soli 2014 anni siamo passati da “È nato il messia” a “Non ha saputo resistere alle tentazioni. Non ha fatto del male a nessuno, e proprio non riesco a capire perché ci sia così tanta attenzione attorno a questa storia”.
Vorrei rispondere a suor Erminia. Cara sorella (…) perché fai domande stupide? Cosa suscita tanta attenzione? Non so, veda lei.. Forse il fatto che come fa da millenni nella chiesa predicate bene e razzolate male solo che questa volta non potete dire “è figlio dello spirito santo”. Sa, sorella, piuttosto credo ai Power Rangers se non l’aveva ancora intuito.
In più sguazzate nell’omofobia appena qualcuno parla di omosessualità. Quindi vede che qualcosa di strano lo si trova.
Comunque.. metta il caso che vi sbagliate? Eh? Che figura di merda ci fate? E se fosse veramente il messia? Sai che risate (le mie almeno).
Sorella, mentire è estremamente faticoso. Glielo dice un professionista. Lasciate perdere le giustificazioni. O al massimo datene una veritiera: “anche a noi suore ci piace il cazzo”. Molto più onesta, sia con noi, soprattutto chi crede nello zombie ebreo cosmico figlio di se stesso, sia con voi.

Cordialmente,
Z.

Clienti di merda

20 Dic

Fortunatamente ho un lavoro. Sfortunatamente, almeno talvolta, è fare il barman.
Vedo un proliferare di gruppi su Facebook e hashtag su Twitter a riguardo ma tutti partono da un presupposto errato: il cliente di un bar è paragonabile a qualsiasi altro cliente. Niente di più sbagliato. Il cliente del bar è il peggiore della categoria. Non c’è supermercato che tenga. Non c’e negozio o attività che non sia un bar che debba sopportare quello che deve sopportare un barista.
Tutto questo perché il cliente del bar crede che, automaticamente, appena varcata la soglia, il barman sia suo amico.
STOCAZZO! Toglietevelo dalla testa.
Non siamo vostri amici (salvo pochissime eccezioni, ma non illudetevi, si contano sulle dita dei piedi di Pistorius).
Smettetela di raccontarci la vostra vita. Non ce ne frega una sega.
Provate a raccontare delle vostre scappatelle con la biondina di turno di almeno 20 anni più giovane (ci credo eh.. Ah se ci credo..) alla commessa della coop, vediamo cosa e se vi risponde. Provate a presentarvi prima di chiamarci per nome. Se lo sapete già non me è frega un cazzo. Presentatevi. Un po’ d’educazione porco cazzo. Provate poi a fare domande meno stupide. Se tu entri mezz’ora dopo la chiusura e le sedie sono tutte sui tavoli e io sto passando per terra evita di sottolineare che sei un deficiente, evita domande come “ma stai chiudendo?”. “No, le sedie sui tavoli sono qui perché siamo una succursale della biennale.”
Facciamo una prova? Entro nel tuo squallido ufficio dove stipuli polizze/truffa alle 16.59. Vediamo se riesco a tenerti lì almeno mezz’ora dopo il tuo orario di lavoro. Scommettiamo?
Dai cazzo.

Z.

Edizione estate

3 Ago

Qui mare. Qui sole. Qui birre.
S si lamenta perché non può portare il suo Mac in spiaggia e developpare siti. Comportamento a dir poco ostile. Verrà punito. O premiato. Deciderò dopo.
Intanto qui si viaggia a birra e lemon soda.
Qui asciugamano. Qui doccia. Qui si scioglie tutto. A poi.

Z.

La gente non è cattiva.

6 Lug

“La gente non è cattiva, mia cara. È idiota, il che è ben diverso. La malvagità presuppone un certo spessore morale, forza di volontà e intelligenza. L’idiota invece non si sofferma a ragionare, obbedisce all’istinto, come un animale nella stalla, convinto di agire in nome del bene e di avere sempre ragione. Si sente orgoglioso in quanto può rompere le palle, con licenza parlando, a tutti coloro che considera diversi, per il colore della pelle, perché hanno altre opinioni, perché parlano un’altra lingua, perché non sono nati nel suo paese o perché non approva il loro modo di divertirsi. Nel mondo c’è bisogno di più gente cattiva e di meno rimbambiti.”

L’ombra del vento, Carlos Ruiz Zafón

Negazione consapevole.

22 Giu

Mio padre me lo diceva sempre che gli costava più dirmi di no che dirmi di sì. Che cazzata. Non gli ho mai creduto.
Poi, alla centesima birra (e anche qualche gin tonic), ti ricredi e ti incazzi per non aver capito prima cosa, in maniera palese, intendesse il tuo vecchio senza essere nella possibilità di dirlo esplicitamente. Dall’altra parte non si capisce mai fino a quando lo devi dire tu un secco e deciso “No”. Un “no” pesante che va contro qualsiasi principio e qualsiasi logica ti abbia governato fino a quel momento. Ma sai che è giusto. È doveroso.
Quel giorno è stata dura. Ma sono ancora qui, forse più contento di prima.

Z.

Cromosoma nerd

31 Mag

Ed eccomi qua, a bloggare duro da una conferenza.

Tutto sommato è anche figa, c’è un sacco di gente, gli speakers sono interessanti e comunque si parla di web quindi non potevo chiedere di meglio! Se non fosse per quei 4 nerd palesemente troppo indie per farsi uno shampoo che continuano a guardarmi e sghignazzare, forse perchè a differenza loro developpo come un pazzo mantenendo comunque una dignità personale e l’ombra di una sanità mentale fomentata dalla voglia di vivere ed interessarmi ad altro che non sia il computer o necessariamente i segoni a 2 mani in lan. Ecco, mi sono appena passati accanto, se Boy George vedesse come cazzo son vestiti sti qua perfino lui li prenderebbe a sberloni con i gomiti. Farsi una vita dopotutto non è male, non è che vado in giro a guardare, indicare, brutalizzare la gente, o almeno non lo faccio stando in giro ma comodamente dal divano di casa o, come in questo caso, da una sedia di design bruttabrutta in modo assurdo ma tutto sommato nemmeno troppo scomoda va. Furbizia, che ci posso fare.

Sembro un pò una donna da sti discorsi però sticazzi, cosa hai da guardare? Ti piaccio? Tu no.

Questione di cromosomi in ogni caso, non c’è storia. E i miei cromosomi sono bellissimi.

S.